March 29th
La settimana in breve: i trend del gusto

Il Buddha e le nonne italiane, ecco i protagonisti della nostra settimana gourmet. E poi abbiamo le pasticcerie in banca, i sommelier della carne e un nuovo format di bar: la ‘Prosecco House’. Le news dedicate ai soci del Club Diners dai palati pregiati sono ricche di golose curiosità e pratici consigli per procurarsi sempre il meglio, dai ristoranti più raffinati, a portata di click, ai cibi più selvatici, raccolti in un magazine nouveau.

 

  • Nonne italiane protagoniste nel food marketing internazionale

Nei food trend 2018 già tirava forte l’aria di ritorno ai piatti della tradizione, all’esaltazione dell’eredità culinaria. La tendenza si è palesata in carne ed ossa – magari con un po’ di osteoporosi: alla faccia dei grandi chef, a dettare le regole della cucina gourmet in Usa sono le nonne. Quelle italiane.

Per saperne di più: Gambero Rosso

 

  • Londra, apre la prima Prosecco House

Forse il Prosecco sta davvero superando lo champagne… Le bollicine del nordest italiano nel Regno Unito sono inarrestabili. Al punto che una giovane imprenditrice inglese ha puntato tutto su di loro: Olivia Blair ha inventato un nuovo format di locale, la “prosecco House”, bar dove da bere si servono solo ed esclusivamente etichette di prosecco. Ed è già “cultish”…

Per saperne di più: Gambero Rosso

 

  • Le tre spezie più costose in cucina

Lo zafferano è noto e comprensibile: per raccogliere un chilo di questa spezia ci vogliono 250.000 fiori e più di 600 ore di lavoro. Non è una sorpresa che sia sul podio delle più care del pianeta (la qualità più pregiata è l’iraniana). Anche la vaniglia, originaria del Messico, per chi se ne intende un po’ non sorprende. Più stupefacente invece ritrovare in terza posizione il cardamomo, sia verde, più aromatico e dolce, che nero, dal sapore affumicato e vagamente terroso.

Per saperne di più: Fine Dining Lovers

 

 

  • E a Firenze arriva il Sommelier della Carne

Se a Córdoba va in scena il “sommelier del prosciutto”, o meglio il quotatissimo tagliatore professionista di jamón ibérico, a Firenze s’innalza ora sulle vette gourmet la figura di “sommelier della carne”, macellaio a vista, che consiglia i clienti sui migliori tagli, i migliori abbinamenti e le migliori cotture. A lanciarlo la Trattoria dall’Oste – Chianineria.

Per saperne di più: GazzaGolosa – La Gazzetta dello Sport

 

  • Insider, per prenotare dal cellulare i ristoranti gourmet

Affidarsi a Tripadvisor per scegliere il ristorante? Pessima idea! Spulciare le varie classifiche e guide specializzate, poi cercare il numero etc.? Non proprio pratico… The Fork, la app acquistata da Tripadvisor per la prenotazione dei ristoranti via telefonino, ha aperto una nuova sezione. Si chiama “Insider” ed è dedicata a chi cerca solo cucina d’alta qualità gourmet. Solo ristoranti che compaiono nelle guide enogastronomiche nostrane più prestigiose – come Gambero Rosso e Identità Golose – scontrino da un minimo in su e recensioni da oltre 9/10 per almeno 50 giudizi.

Per saperne di più: Wired

 

  • Al via IOP, la piattaforma per rintracciare l’origine dei prodotti bio

Certo che è bio! Ma “bio” come? Gli organismi certificatori dei prodotti biologici sono stati chiamati a raccolta da IOP, Organic Integrity Platform, una rete che mette a sistema la rintracciabilità informatica di tutto ciò che mette al bando prodotti di sintesi chimica, Ogm&c.

Per saperne di più: Terra Nuova

 

 

  • Foraging mon amour: arriva “i Skogen”, prima rivista italiana a tema

I ripieni? Si fanno col Billeri primaticcio, pianta nostrana appartenente alla famiglia dei cavoli e con foglie che ricordano la rucola. I dolci? Con il Bellis perennis, la pratolina. Ecco due delle primizie di campo – o di bosco – di stagione. Non saranno forse licheni, ma sono senz’altro spontanei e presenti sul nostro territorio nazionale. Cosa raccogliere, come dove e perché, lo trovate su “i  Skogen”, prima rivista italiana interamente dedicata all’arte di procacciarsi cibo selvatico.

Per saperne di più: Gambero Rosso e Il Messaggero

 

  • Caramello salato, è l’ora dell’after dinner drink

Il dessert nel tuo drink after dinner. Ossia, il superalcolico che sa di dessert. Non uno qualsiasi, piuttosto uno dal gusto più trendy del momento: il caramello salato. La combinazione fa furore ormai anche in gin, vodka&c. Secondo gli esperti, a livello organolettico è come bere uno strudel.

Per saperne di più: Daily Mail

 

 

  • Buddha bowl, il pasto completo che ristora corpo e anima

Il nome è decisamente profano: sarebbe come chiamarlo “il piatto di Cristo”, fatto sta che così sono state battezzate “le ciotole di Buddha”. Sono piatti fondi, ampi e tondi – come la pancia dell’essere illuminato – composti alla stregua di ciò che nell’immaginario potevano recare le ciotole dei monaci buddisti riempite dai fedeli. Dentro può starci ogni cibo, purché sia salutare, energetico, colorato e tendenzialmente vegetariano. Frutta e verdura fresca, semi oleosi, spezie, cereali, legumi, per comporre un pasto completo armonicamente sano e bello.

Per saperne di più: Eticamente

 

  • Metti la pasticceria in banca: il Maestro Iginio Massari lo fa a Milano

Lui è Iginio Massari – fondatore e ora presidente onorario de “L’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani” nonché della “Pasticceria Veneto” a Brescia – da anni considerata migliore d’Italia dalla Guida del Gambero Rosso. Loro, quelli di Intesa Sanpaolo, si sforzano di rendere gli spazi delle filiali più fruibili, innovandoli con inserzioni artistiche, culturali, musicali, modaiole. E, oggi, pasticcere: a Milano, in via Marconi. Una prima in Italia.

Per saperne di più: Ansa