July 31st
Tendenza Mocktails: arrivano dall’America i nuovi cocktail analcolici all’insegna della sobrietà

La sobrietà è tornata di moda, e con lei arrivano i Mocktails, i nuovi cocktail alcol free che nulla hanno da invidiare ai loro “fratelli” alcolici: tutto sul nuovo trend che promette di conquistare anche gli esclusivi soci del Club Diners, grazie a tante e fantasiose ricette.

 

Cedere a qualche drink alcolico in occasione di una festa, di un evento o durante una cena sta diventando terribilmente fuori moda e dagli Stati Uniti arriva l’ultima tendenza in fatto di benessere + lifestyle + food&drink: i Mocktails.

Il termine deriva dalla fusione delle parole “mock” (finto, simulato, scimmiottare) e “cocktail”, ed è l’espressione utilizzata in America per definire tutte quelle bevande analcoliche che si possono gustare dall’aperitivo in poi, per dissetarsi e restare in forma senza rinunciare al piacere di un cocktail da sorseggiare.

 

 

shutterstock_260188532È importante puntualizzare che i Mocktails sono decisamente diversi dai classici drink analcolici un po’ “punitivi” e non così “san” a cui si era abituati: mentre infatti le classiche bevande alcool free sono spesso a base di succhi da concentrato, sciroppi e altre sostanze poco salutari, nonché ricche di zuccheri e conservanti, i Mocktails sono preparati esclusivamente con ingredienti naturali e soprattutto freschi, che non contengono saccarosio o altri dolcificanti. Si parla dunque di frutta e verdura sotto forma di centrifugato o estratto, per conservare le proprietà nutritive, con l’aggiunta di frutta secca, piante medicinali e spezie (curcuma e zenzero in primis), che li rendono un vero e proprio concentrato di benessere ed energia.

 

Non è un caso che questo trend si stia affermando proprio ora, in un periodo in cui l’esigenza di seguire uno stile di vita sano ed equilibrato è sempre più sentita, senza dover per forza rinunciare al divertimento. Un altro merito va sicuramente al ruolo di sapienti bartender e mixologist, più esperti e qualificati rispetto al passato, che negli ultimi anni hanno deciso di prestare un’attenzione sempre maggiore agli ingredienti utilizzati per preparare i cocktail, con lo scopo di creare drink non solo originali e sfiziosi, ma pure salutari. Ed è innegabile che l’alcol non sia il migliore amico della linea, in particolar modo d’estate, quando mantenersi in forma per arrivare pronti alla fatidica prova costume diventa un obiettivo prioritario: in tal senso i Mocktails si possono considerare delle vere e proprie “opere d’arte”, dove creatività, estrosità e vitalità si uniscono, dando vita a drink che non penalizza minimamente l’aspetto più “social” del bere in compagnia.

 

 

shutterstock_353155994

 

 

I frutti più utilizzati nella loro preparazione sono gli agrumi (come il lime, il limone e le arance), i frutti tropicali (come mango e avocado) e i frutti rossi (lamponi, mirtilli e fragole in primis). L’offerta è di Mocktails è ora più varia che mai, grazie a tipologie sempre nuove, come quelli frozen, quelli caldi, gli effervescenti e quelli a base di spuma o crema. Tra le ricette più popolari, il Raspberry Lemonade, a base di lamponi, limonata e acqua gassata; il Watermelon Mojito, con di foglie di menta, anguria pestata, lime e soda; o la sangria analcolica, preparata con succo d’uva e frutta in pezzi. Se vi sentite estrosi, invece, potete assaggiare il Copa Verde Mocktail, una miscela di avocado, lime, succo di agave, acqua, soda, timo e zenzero.

 

 

shutterstock_598920059

 

 

A Milano non potete perdervi il Nottingham Forest, mecca meneghina del “bere bene”, con una cocktail list di drink sia alcolici che analcolici che non ha eguali in città e nel mondo, dato che il locale dal 2007 compare nella classifica dei 50 migliori bar del mondo. Per i più “modaioli” invece la tappa obbligata è da Carlo e Camilla in Segheria, locale di proprietà dello chef Carlo Cracco, dove il barman fuoriclasse Filippo Sisti vi condurrà alla scoperta delle sue migliori creazioni, in una location indimenticabile.

Nella Capitale sarebbe invece un peccato perdersi la Piazzetta Valadier dello Stravinskij Bar, situato all’interno dell’esclusivo Hotel De Russie, dove sorseggiare ottimi Mocktails con vista impagabile sui giardini terrazzati del Pincio. Il Caffè Propaganda, elegante bistrot dall’atmosfera parigina, vi stupirà invece con la sua lista messa a punto da Patrick Pistolesi e dal resident barman Livio Morena, in grado di soddisfare i gusti più esigenti e disparati.