May 9th
I ristoranti con le terrazze più belle

Le giornate sono più lunghe, l’aria è piacevolmente frizzantina e pranzare o cenare all’aperto diventa un must per godersi il sole fino all’ultimo minuto. Specie in quei ristoranti che offrono il meglio del panorama circostante dalla propria terrazza. Dalle isole alle città.

Che siate viaggiatori esigenti o businessman in cerca di un luogo che vi possa stupire, qui troverete raccolti i locali con i belvedere più belli di ogni angolo del mondo. Spazi esclusivi che insieme alla vista servono piatti gourmand.

In Italia, un appuntamento da non perdere è a Venezia. Oltre alla terrazza del noto Danieli, si gustano piatti sopraffini con vista Canal Grande dal dehor del Gritti Palace, Luxury Collection Hotel. Qui, residenza del doge Andrea Gritti prima e poi sede degli ambasciatori vaticani, gli ospiti si sentono accolti come dei “reali”.

Dalla terrazza, che dà sulla basilica di Santa Maria della Salute, il ristorante Club del Doge, guidato dallo chef Daniele Turco, propone piatti raffinati dai gusti evocativi con prodotti della primavera, quali il carciofo, cucinato in tutte le sue declinazioni.

 

 

 

Distanti dal mare ma immersi nella bellezza dei monumenti capitolini, a Roma la primavera in terrazza è un culto e la novità stagionale è il roof terrace del cinque stelle The First che terrazzeriapre dal 1 maggio.

AcquaRoof, a pochi passi da piazza del Popolo, all’ultimo piano dell’hotel e del ristorante Acquolina guidato dallo chef Alessandro Narducci, è dotato di una spettacolare vista a 360 gradi sui tetti del centro della capitale e vanta un menu che punta su sapori genuini legati alla freschezza e alla territorialità mediterranea, dalla pasta pomodoro e basilico alle carni alla griglia.

Vista la grande passione degli italiani per il primo sole in Grecia, non possiamo esimerci dal dare qualche indicazione in tal senso.

Se c’è un posto sull’isola greca di Mykonos, in cui la bellezza dell’arte si mixa alla grandiosità della natura, questo è il Myconian Utopia Resort che, sotto il giglio Relais & Châteaux, è considerato uno dei luoghi più suggestivi dove soggiornare e mangiare almeno una volta nella propria vita. All’interno dei locali la pietra, il legno e la lava dell’arredamento si mescolano agli oggetti contemporanei, mentre all’esterno il bianco della calce si fonde all’azzurro del mare cristallino e della piscina a sfioro che dà su una terrazza i cui tavoli apparecchiati sono il punto di riferimento da cui godere del panorama.

Qui lo chef Nikos Moroglou propone una vasta scelta di piatti che spaziano dalla tradizione mediterranea a base di pesce fresco e aragoste, agli ingredienti locali. Per i vini, la cantina non lascia insoddisfatto nessuno.

 

 

Sempre in Grecia, ma a Oia, sull’isola di Santorini si trova Ambrosia, un piccolo ristorante immerso nell’architettura bianca tipica dell’isola.

La sua terrazza è tra le più ambite per una cena. Aperto solo la sera, qui si può scegliere tra estive tartare di salmone con avocado e fresche costolette grigliate con menta e uva.

Da provare la purea di fave con cipolle caramellate e il polpo. In quanto ai vini, si consiglia di partire brindando con un calice di retsina, il vino bianco dal retrogusto di resina, per finire con un bicchierino di ouzo, il tipico liquore all’anice. E poi godere in silenzio della vista del mare.