October 8th
Il lato gustoso dell’autunno: la frutta e la verdura da gustare da settembre in poi

Odiato o amato, l’autunno è innegabilmente la stagione che offre la migliore lista di primizie con cui consolarsi per la fine dell’estate: ecco tutte quelle che i curiosi Soci del Club Diners potranno gustare da settembre in poi

 

Come ogni anno, la fine dell’estate è accompagnata da un misto di tristezza e di eccitazione da buoni propositi per il “nuovo anno” che sta per cominciare. Nel tentativo di far prevalere questi ultimi, settembre è il mese dove riprendere in mano quanto lasciato prima delle ferie e partire col piede giusto, soprattutto da un punto di vista gastronomico.

Dopo mesi trascorsi a gustare fragole, ciliegie, angurie, pesche e albicocche, è arrivato il momento di rituffarsi nella bontà e nel gusto della frutta e verdura autunnale, che nulla ha da invidiare a quella estiva.

Ecco allora le primizie su cui puntare e da aggiungere alla propria alimentazione, per un pieno di benessere.

 

 

I cachi

Questi dolcissimi frutti dal colore arancione sono ricchi di betacarotene, vitamine e minerali. La loro proprietà principale è legata al miglioramento del funzionamento intestinale: sono infatti sia lassativi (se consumati ben maturi) che diuretici e aiutano a depurare il fegato. Attenzione però all’alta presenza di zuccheri: in caso di obesità o diabete, meglio non esagerare.

 

La melagrana

Frutto antichissimo che si ritrova persino nella mitologia greca, la melagrana è una vera e propria miniera di proprietà nutritive. Ha un enorme potere antiossidante, dovuto alla presenza di polifenoli e di vitamina C, oltre a effetti astringenti, antidiarroici e funzioni gastroprotettive. Ma non solo, perché costituisce persino un valido aiuto contro il diabete e il colesterolo.

 

 

Il kiwi

Forse non tutti lo sanno, ma il kiwi contiene più vitamina C di un’arancia. Questo frutto possiede inoltre sali minerali ed enzimi capaci di regolare il transito intestinale, ed è un ottimo alleato contro il colesterolo alto. Sembrerebbe poi che abbia effetti benefici perfino sull’umore, rappresentando un valido aiuto per combattere gli stati depressivi.

 

 

 

Le castagne

Squisite e ricchissime di minerali, dal potassio al magnesio: le castagne contengono anche parecchi carboidrati che le rendono particolarmente sazianti, trasformandole in un vero toccasana in caso di stanchezza o di anemia. Hanno poi il potere di ridurre il colesterolo e regolare la flora intestinale, a patto di non esagerare: il loro apporto calorico è simile a quello di pane e pasta, tanto da poter essere consumate come pasto sostitutivo.

 

 

La zucca

Potassio, betacarotene e pochissime calorie: perché limitarsi a mangiare la zucca solo a ridosso di Halloween? Decorativa, buona, gustosa e perfetta per mantenere la linea: questa primizia autunnale è un ottimo antiossidante e ha proprietà depurative, che la rendono perfetta per deliziose vellutate e zuppe.

 

Il topinambur

Trattasi in realtà di un tubero, ricchissimo di ferro e di vitamine e ha più di una proprietà benefica: aiuta a depurarsi, a digerire, a tenere basso il livello degli zuccheri nel sangue e a combattere il colesterolo. Aggiunto nell’insalata darà un tocco di sapore in più non solo al piatto, ma anche alla salute.

 

 

I funghi

Pochi grassi, ancora meno calorie e mille modi per cucinarli: i funghi sono davvero i protagonisti dell’autunno. Contengono sali minerali in abbondanza, fosforo, magnesio, potassio, ma anche vitamina B; sono ottimi antiossidanti e aiutano l’organismo a proteggersi dai virus, specie quelli in arrivo coi primi freddi. Perfetti nei risotti, trifolati, persino al forno o crudi nell’insalata: non avrete che l’imbarazzo della scelta sul modo in cui gustarli!