December 2nd
La settimana in breve: i trend del gusto

Vacanzina a dicembre: mercatino di Natale, o ristorante sull’Everest? E a proposito di Natale: che ne dite di regalare una confezione di patatine? Costano 10 euro l’una (la patatina, non la confezione, ovviamente). Quesiti che solo certi spiriti possono apprezzare, come quelli fini dei soci del Club Diners, persone che sanno riconoscere che lusso e classe non hanno confini di categoria.

 

  • Le case di moda di lusso puntano alla ristorazione, soprattutto guardando a Est
    Quale luogo migliore per sfoggiare il tuo ultimo acquisto d’alta moda che un ristorante d’alta classe? Sempre più spesso, il marchio dietro è identico. Armani, Gucci, Cavalli, Dior, Prada: le case di moda sono sempre più dentro il mondo del lusso gourmet e guardano ai mercati orientali. Intanto Emporio Armani Caffè aprirà a Bologna nel 2017, nel suo tipico binomio lusso&green.
    Per saperne di più: Asiaone

 

  • 9 consumatori su 10 desiderano uno spumante “alternativo”
    Il 90% dei consumatori è disposto a comprare uno spumante “alternativo”, e il 78% di loro anche a pagarlo di più rispetto a quelli tradizionali. Lo rivela un’indagine di Wine Monitor, svolta su un campione di 1000 persone. Ma cosa s’intende per “alternativo”? Per esempio zona di produzione circoscritta e vitigni autoctoni.
    Per saperne di più: Askanews 

 

 

 

 

  • shutterstock_151928993Apre ristorante pop-up sull’Everest, il patron è uno chef ex Noma
    20 ristoranti pop-up in 20 Paesi in 20 mesi: è questo il piano di James Sherman, ex chef del Noma, oggi parte integrante del gruppo di gastronomi viaggiatori One Star House Party. La prima tappa? Il Nepal, dove a dicembre sarà aperto un ristorante sull’Everest. A gennaio aprono a Mumbai, a febbraio a Muscat, Oman, e poi a Nairobi, Cape Town, Firenze e così via. Sono ammessi solo gruppi piccolissimi: se interessati, occorre prenotare immediatamente!!!
    Per saperne di più: Eater

 

  • Roberto Conti: il piatto del futuro è monoingrediente
    Cresciuto con maestri quali Pietro Leeman e Andrea Berton, il giovane executive chef di Trussardi alla Scala, Roberto Conti, prende ispirazione dalle sfilate di moda e dal Giappone. Non crede al km zero, ama il sottovuoto, il cromatismo e le essenze, difende la cotoletta alla milanese e annuncia: il piatto del futuro è monoingrediente.
    Per saperne di più: de-gustare

 

 

  • shutterstock_1181650998 mercati di Natale golosi in Europa
    L’Europa intera si prepara per il Natale. E per il viaggiatore gourmet la scelta è ampia: i 10 mercatini natalizi di Vienna, le bancarelle lussuose con il cioccolato con il gin di Bruges e quelle di Budapest con alimenti tradizionali e innovativi, insieme agli stand raffinati di Lille dove si possono trovare le famose “mele dell’amore”, al mercato medievale di Norimberga e, in Italia, alla bella Bologna che sotto le feste tira fuori i suoi migliori sfizi da gustare. Sono alcune dei mercati natalizi, dove le proposte gastronomiche chiamano a festa.
    Per saperne di più: Finedininglovers

 

 

 

  • shutterstock_316580150Le patatine più costose al mondo: 50 euro la confezione. Da 5 patatine
    Cinque dischi d’oro adagiati in sedute individuali lungo un elegante astuccio nero: sono le patatine più care al mondo, create dal microbirrificio svedese St. Erik. Ciascuna è cucinata personalmente da uno chef, utilizzando ingredienti della tradizione scandinava: funghi, alghe delle isole Fær Øer, aneto,  luppolo. E le patate, ovviamente, vengono da una produzione particolare in colline sassose, dove si può coltivare solo rigorosamente a mano.
    Per saperne di più: notizie.delmondo

 

 

  • Theatre of Life: in arrivo il documentario sul Refettorio Ambrosiano
    “E se il cibo sprecato potesse nutrire tutti gli affamati del mondo?”: è questa la domanda da cui al tempo dell’Expo è partita l’avventura del Refettorio Ambrosiano, la mensa creata da Massimo Bottura per i bisognosi di Milano. Ne è nato un documentario, a cura del regista Peter Svatek, che ha girato l’arrivo di chef come René Redzepi, Daniel Humm e Alain Ducasse, quando hanno aiutato Bottura a cucinare per i senzatetto.
    Per saperne di più: Foodforsoul