July 22nd
La settimana in breve: i trend del gusto

Un corso universitario per apprendere l’arte del saper far vigna, un grappolo d’uva venduto a migliaia di euro, una bagna cauda che sbarca a Manhattan per diventare piatto d’élite. E poi la moda, sempre più affermata, del cibo asiatico, incarnata dalla catena wagamama. Le tendenze in tema di food sono tante e trasversali anche questa settimana, e fotografano un mondo in continuo divenire le cui anticipazioni ancora una volta sono dedicate esclusivamente ai soci del Club Diners e ai loro palati raffinati.

 

  • A Milano arriva wagamama, per chi ama ramen e noodle

Ramen, teppanyaki, donburi e molto altro: la catena britannica specializzata in piatti asiatici veloci non poteva mancare nel Belpaese e grazie a un accordo di partnership con Percassi Food&Beverage, entro l’anno arriverà a Milano. Il nuovo wagamama italiano porterà a 19 i Paesi dove si contano locali con il marchio wagamama, sempre più trendy tra i giovani (e meno giovani) amanti dell’etnico.

Per saperne di più: Askanews

  • shutterstock_266886119Birra: quanto conta il bicchiere giusto

Non è il materiale a fare la differenza, ma la forma. Ogni birra infatti ha un contenitore ideale capace di valorizzarne le caratteristiche.

Sì ai bicchieri a coppa per agevolare l’ossigenazione e l’espulsione degli aromi per alcune birre, mentre altre vogliono forme alte e strette che aiutano a trattenere la schiuma e rallentare l’ossidazione. In tutto sono circa sei gli archetipi di bicchiere da birra. Da scegliere con molta attenzione.

Per saperne di più: Slowfood

 

 

  • shutterstock_178862567I 20 Instagrammer di food italiani che dettano le regole

Qual è la cosa più ritratta dai social? Il cibo, naturalmente. E se tra i 50 food-influencer più seguiti nel Regno Unito troviamo nomi come Joe Wicks ed Ella Woodword, anche in Italia iniziano a farsi strada nomi influenti, che dettano tendenze e fanno opinione.

Si chiamano @chiarapassion, @liviasala, @timoebasilico e altri nomi del genere e sono semplicemente da tenere d’occhio.

Per saperne di più: Il Corriere della Sera

 

  • Funky Tomato, il pomodoro sostenibile libero dal caporalato 

Anche fare la spesa può essere una scelta etica e se si pensa al fenomeno del caporalato c’è una strada molto pragmatica da seguire: acquistare pomodori che sfuggano a questo sistema, riconoscibili grazie a una sorta di bollino blu. Funky Tomato produce e commercia pomodori di alta qualità liberi da sfruttamento, in aree dove il caporalato è un fenomeno dilagante.

Per saperne di più: Slowfood

 

  • shutterstock_368688581Se la “bagna cauda” conquista la Grande Mela

Cosa ci fa il celebre piatto piemontese nella Grande Mela? Fin che sono gli spaghetti o la pizza è un conto, ma oggi a New York si trovano anche piatti molto di nicchia e inediti della tradizione italiana. Anzi, piemontese.

Grazie a tre amici di origine sabauda, Carlo Rolle, Moreno Cerutti e Davide Poggi Ferrari, che tentano il successo a Manhattan a colpi di bagna cauda.

Per saperne di più: La Stampa

 

 

 

  • A Bordeaux nasce il primo Diploma universitario di potatura

Quando si dice che cambiano le professioni e nascono nuovi mestieri vien da pensare soprattutto al settore enogastronomico, dove c’è sempre stata (e ora viene riconosciuta) una cultura. Nasce per esempio a Bordeaux il primo Diploma universitario di Potatura e scelta germogli. Il saper far vigna verrà insegnato nella pratica, con metodo rigorosamente italiano, e nella teoria e alla fine si otterrà le Diplôme Universitaire de Taille ed d’Epamprage. Ça va sans dire.

Per saperne di più: Il Sole 24ore

 

shutterstock_68817475
  • Prezzo record per 30 acini di Ruby Roman. In Giappone

Nove mila euro per un grappolo d’uva di 30 acini. Anche questo è possibile, soprattutto in Giappone, dove si è tenuta la bizzarra asta che ha visto protagonista un grappolo d’uva della blasonata qualità Ruby Roman, coltivata nel dipartimento di Ishikawa. E sì perché anche la frutta può essere uno status symbol, soprattutto se ogni acino pesa almeno 20 grammi.

Per saperne di più: The Guardian