July 7th
La settimana in breve: i trend del gusto

Vestiti con immagini di colorati banchetti, cibi a domicilio per tutte le tasche e i gusti, ristoranti e chef emergenti e very cool e ancora diete stravaganti delle celebrities. Le novità sul mondo del food a tutto tondo in esclusiva per i soci del Club Diners sono tante e trasversali. E non poteva mancare un accenno alle conseguenze food della Brexit, of course.

 

  • Gli italiani sono pazzi per il cibo a domicilio

Saranno gli europei di calcio, sarà che la vera risorsa del nostro tempo è il tempo. Fatto sta che la distribuzione del cibo a domicilio, che ormai va ben oltre la pizza e i noodles, ha avuto un boom. A trainare questo business promettente è la piattaforma Just Eat, seguita a ruota da  Foodora, Deliveroo, Moovenda, Foodinho, Foodracers.

Per saperne di più: Dissapore

 

 

 

  • ragazza_paneQuando il food ispira gli stilisti

In questo momento di celebrità che sta vivendo il cibo non stupisce che anche la moda tragga ispirazione dal food. Ne sono un esempio, tra gli altri, la collezione Privé di Giorgio Armani ispirata alla pianta di bambù e quella di Etro che interpreta il concetto “noi siamo ciò che mangiamo” (la cui paternità si dovrebbe in realtà al filosofo Ludwig Feuerbach) con immagini di colorati banchetti italiani ricchi di frutti di mare e pasta.

Per saperne di più: Ansa 

 

 

 

  • ragazza_lattugaViaggio tra le (assurde e troppo copiate) diete delle star

Il lunedì è dedicato ai cibi gialli, il giovedì a quelli viola. E poi guai al glutine (anche se non sei celiaco) e avanti tutta con gli omogeneizzati e la placenta. Per carità, se uno è convinto che gli faccia bene può anche essere che si scateni una sorta di effetto placebo. Ma queste e altre diete promosse dalle celebrities, facendo oltretutto proseliti, sono una più assurda dell’altra.

Per saperne di più: Corriere 

 

 

 

  • Integratori alimentari: 8 italiani su 10 li hanno presi

E’ un mercato da 2,6 miliardi di euro, per un totale di 186 milioni di confezioni vendute (dati maggio 2015-aprile 2016): si parla degli integratori alimentari, scelti sempre più spesso dagli italiani che dimostrano non solo di amarli, ma anche di essere abbastanza informati su questo fronte. E gli studi ne supportano la valenza positiva.

Per saperne di più: Adnkronos 

 

 

 

  • Panca_foto_Alex_AlbertonBruno Barbieri torna in cucina col Fourghetti

Si chiama Fourghetti l’ultimo ristorante lanciato dal popolare giudice del talent culinario e il nome sta per “4 spaghetti”, ma ricorda anche il verbo inglese “forget”, dimenticare, invitando appunto a lasciare fuori ogni problema e ogni distrazione, nel nome del buon cibo. Barbieri non è nuovo a queste avventure e l’ultima esperienza fu Cotidie, a Londra. “Sono uno zingaro della ristorazione” dice di sé.

Per saperne di più: Corriere 

photo credits: Alex Alberton

 

 

 

  • Elogio di Dominique (Crenn) eletta miglior chef donna del 2016

Dicono che i suoi Atelier Crenn e Petit Crenn, a San Francisco siano tra i posti in cui mangiare almeno una volta nella vita. Ora Dominque è stata incoronata The World’s Best Female Chef 2016 all’interno del premio The World’s 50 Best Restaurants di New York. Ma a lei, che definisce la sua cucina “poetic culinaria”, questa etichetta di genere sta un po’ stretta.

Per saperne di più: Finedininglovers

 

 

 

  • brexit_uovoBrexit, cosa cambia per il cibo made in Italy

Nel derby tra Remain e Leave forse non si è detto abbastanza sul libero scambio dei prodotti alimentari, uno dei temi più significativi di questa uscita eccellente e rovinosa. Per le bevande e i cibi italiani cambia tutto poiché il Regno Unito è il quarto sbocco estero. Un esempio per tutti? Lo spumante, considerato che la Gran Bretagna è il primo mercato export. Ma anche i formaggi, i pomodori, gli agrumi e molto altro.

Per saperne di più: Dissapore