November 13th
La settimana in breve: i trend del gusto

Le novità in tavola? Pandano e menù alla cieca. E poi storie di porcini, tartufi e avocado. Storie d’amore e di Oscar. Storie cinematografiche e di curry. Offerte di lavoro e successi della scienza. Anche in questa edizione, niente spazio per il tedio: gli appassionati soci gourmet del Club Diners potranno saziare l’appetito di news con solide notizie dai condimenti speziati.

 

  • Il pandano è il nuovo avocado?

Avete presente quelle foglie appuntite con cui in Oriente si confezionano deliziosi “pacchettini” di cibo? Beh, è il pandano, pianta che fa bene alla salute ed è anche buona da mangiare – dona un  leggero aroma vanigliato a riso e dessert – e soprattutto è buona da bere. Ebbene, secondo Nigella Lawson, famosissima conduttrice e influencer culinaria britannica, è l’ora del pandano. E che c’importa di ciò che pensa Nigella, vi chiederete? Beh, quando pochi anni or sono lei dichiarò: ”Adoro spalmarlo sul toast”, l’avocado ebbe immediatamente un’impennata del 30% sulle vendite nel Regno Unito. E da lì partì alla conquista del mondo…

Per saperne di più: Huffington Post

 

  • Menu alla cieca sempre più diffusi al ristorante

“Menu alla cieca”; “Selezione dello Chef”; “Carta Bianca”: i menu dove non si può scegliere e i piatti sono una sorpresa dietro l’altra, formula adorata da alcuni e detestata da altri, sono sempre più alla moda. Almeno in Francia. Dove l’avanguardia gourmet inizia a domandarsi: ma tutto ciò è legale?!? E se non mi piace, su che basi posso rimandare il piatto indietro?

Per saperne di più: Atabula

 

 

  • Parmigiano Reggiano cambia look, in nome dell’amore

Il “Re dei formaggi” rilancia se stesso con una nuova identità di marchio, per riposizionare il prodotto sui mercati. L’amore è al centro del rebranding del Consorzio, protagonista delle campagne di comunicazione integrata a venire e del nuovo pay-off: “Parmigiano Reggiano. Quello vero è uno solo”. In perfetto stile romantico, il formaggio si presenta come “alimento per la vita”, alleato per il nostro benessere psicofisico nell’arco di tutta la giornata, senza distinzioni di genere e a qualsiasi età.

Per saperne di più: Food

 

 

  • Le opere d’arte di Atsushi Tanaka, il “Picasso della cucina”

Un dolce che è una scultura 3D di un vulcano in ebollizione, granchi reali omaggiati di petali e colori, pezzi di verde, foglie decorate, piatti monocromatici e consistenze visive appassionanti: sono le creazioni di forma di Atsushi Tanaka. Chef artista idiosincratico e minimalista,  dopo Tokyo e Copenhagen adesso fa base a Parigi. Soprannominato “Picasso della cucina”, con il suo stile di presentazione delle pietanze ha appena trionfato col premio “Best Food Art” nei Best Chef Awards 2017.

Per vedere le foto delle sue opere culinarie: Fine Dining Lovers

 

 

  • 5000 euro al chilo: il miele più costoso al mondo è turco

È stato scoperto nel 2009 e il primo chilo battuto all’asta è stato venduto per 45mila euro (sì, era il suo prezzo al chilo!). Adesso il prezzo si è decisamente abbassato: per un chilo di questo miele estratto a 1800 metri di profondità in una caverna della regione di Saricayir, in Turchia, oggi di euro ne bastano 5000.

Per saperne di più: Il Giornale del Cibo

 

 

  • Oscar degli chef, Crippa primo tra gli italiani

Sono 36 gli chef nostrani (contro i 69 francesi) nella lista dei 300 top Chef del pianeta. Primo tra i nostri Enrico Crippa, Chef del ristorante Piazza Duomo ad Alba, che ha conquistato il sesto posto globale nei “Best Chef Awards 2017” , concorso che premia i migliori chef del mondo. Il numero uno è lo spagnolo Joan Roca, Chef del ristorante Celler de Can Roca di Girona.

Per saperne di più: Il Corriere della Sera

 

 

  • Scienziati sviluppano un riso che cresce nell’acqua salata

È dalla fine degli anni ‘70 che gli scienziati ci provano, a far crescere il riso nell’acqua salmastra/salata. Adesso finalmente ci sono riusciti: un’équipe cinese guidata da Yuan Longping è riuscita a coltivare un raccolto in una spiaggia salata nella città costiera di Qingdao, usando acqua marina diluita proveniente dal Mar Giallo (quello che si trova tra Cina e Corea). Il raccolto è raddoppiato rispetto al passato, e la sua resa è tale da essere appetibile per la commercializzazione. Il riso che cresce nell’acqua salata potrebbe potenzialmente nutrire 200 milioni di persone.

Per saperne di più: Fine Dining Lovers

 

 

  • Porcini all’asta come i tartufi, Giaveno insegue le Langhe

Seguire l’esempio delle Langhe per il tartufo, con tanto di Asta del Porcino come quella dalla fama mondiale che si tiene di quest’epoca ad Alba per il più prezioso co-protagonista della gastronomia nostrana autunnale: è questo l’obiettivo della neonata associazione per la valorizzazione e la tutela del porcino di Giaveno, Comune che si trova nell’area metropolitana di Torino. Gli esordienti ambasciatori stellati del porcino di Giaveno sono gli Chef Davide Scabin (Combal.Zero) e Matteo Baronetto (Del Cambio).

Per saperne di più: La Stampa

 

 

  • Victoria & Abdul, così il curry diventò di classe

Nel Regno già si conosceva il curry quando Abdul Karim, arrivato a 23 anni dall’India per rendere omaggio alla sovrana. Ma lui lo cucinò per la prima volta alla Regina Vittoria, pochi mesi dopo aver baciato i suoi piedi nel 1887. Fino ad allora nell’Inghilterra vittoriana quel piatto era di second’ordine: veniva usato per insaporire gli avanzi di carne e verdura. Non la pensò così Vittoria, che da allora lo volle spesso servito a Corte e lo elevò al rango di piatto regale. Purtroppo l’attuale pellicola che spopola nei cinema parla di Vittoria & Abdul ma il curry non lo nomina mai.

Per saperne di più: The Salt

 

 

  • AAA Assaggiatore d’avocado cercasi. Ristorante australiano assume.

Sono richiesti minimo due anni d’esperienza nel settore: il ristorante australiano Good Fat (letteralmente “Grasso buono”) ha pubblicato un annuncio in cui si offre lavoro a un “Capo del controllo avocadi” (familiarmente denominati “avo”). La mansione sarà quella di assaggiare gli avocado, testare le ricette e promuovere questo locale in cui il super-frutto originario del Messico la fa da padrone.

Per saperne di più: TDN