November 22nd
La settimana in breve: i trend del gusto

Vediamo un po’ dove punta il futuro: tra tecnologia, quotazioni in borsa, brevetti e trend, i Soci di Diners Club dovranno districarsi in notizie intellettualmente impegnative: no problem. Ovvio. E casomai sempre possono sempre bere un Yuenyeung, bevanda tradizionale asiatica a base di caffè e the… Da accompagnare, magari a colazione, con un ovetto di gallina di selva.

 

Barilla e Rana brevettano la pasta

Pasta per tutti addio. Arrivano fusillo e trenetta brevettata – e quindi di proprietà esclusiva di chi ha ottenuto il brevetto? Già… praticamente… Alcune aziende italiane si sono lanciate nel brevettare i formati di pasta. Con successo.

Barilla, n.1 nel mercato Usa, ha ottenuto l’ok dell’Ufficio brevetti americano per ben 7 formati frutto di una stampante 3D. Mentre Giovanni Rana ha brevettato quattro forme di raviolo…
Per saperne di più: FOOD

Il futuro della ‘Technofoodology’
I robot rimpiazzeranno gli chef e i camerieri? Gli scenari futuri nel mondo del food vanno ben oltre la smart home: negli smart restaurant – attualmente in via di sperimentazione in vari Paesi, dalla Francia alla Cina – la preparazione dei cibi avviene senza l’intervento umano, soprattutto di cibi ‘seriali’ come hamburger e pizza.

I primi a utilizzarle saranno probabilmente le home food delivery. Automatizzate, naturalmente.
Per saperne di più: Fine Dining Lovers

Caffè o the? Yuenyeung, la bevanda che li contiene entrambi
Yuenyeung è il nome di una bevanda cantonese: il termine yen si riferisce alle colorate anatre cinesi maschio, mentre yeung alle anatre femmine dal manto bruno. La bevanda unisce infatti il caffè con il the. Non è certo l’unica al mondo: esistono anche il malese kopi cham, o l’etiope spreeze, per esempio. Sono bevande che uniscono due sapori amati ed estremamente familiari. Per la maggior parte di palati, lo fanno in modo sorprendentemente delizioso.
Per saperne di più: Mother News Network

Uovo di selva’, arriva il superbio dalle galline libere nel bosco

Le prime 2100 galline produttrici di ‘uova di selva’ vivono in un bosco di castagno di Morbegno, Valtellina. Scorrazzano ovviamente libere tutto il giorno; mangiano ciò che offre il sottobosco, integrato con granaglie e frutta bio. Di notte riparano in un pollaio.
Poi gli umani, a massimo 24 ore dalla deposizione, vanno a raccoglierle e le consegnano, in un cesto di vimini, ai fortunati clienti di Uovodiselva.
Per saperne di più: Il Sole 24 ORE

Immersive Show Dinner, è  a Roma la cena più spettacolare d’Italia?
Un ristorante multisensoriale e multitematico dove immergersi in un percorso tra cibo, pittura, cultura moda e molto altro.

Un progetto di food entertainment che vale il suo prezzo (300 euro a testa) da vivere nell’ottocentesca Casina Valladier, a due passi da Villa Borghese. In una cena impreziosita da continui coup de théâtre.
Per saperne di più: REPORTER GOURMET

Eataly punta alla quotazione in borsa
Eataly si aprirà a investitori e finanziatori lanciandosi in Borsa. Quando, come e soprattutto dove? “Molto dipende da come vedremo il mercato azionario nei prossimi 6-12 mesi, dalla situazione italiana, se è giusto quotarsi a Milano e non invece a New York – ha dichiarato Andrea Guerra, il presidente esecutivo.
Intanto le aperture internazionali della catena si susseguono copiose, mentre a Roma Eataly ospiterà Ikea, in un pop-up store di 700mq.

 

Per saperne di più: FOOD

Uber, la prossima corsa è il food delivery
Non solo ristoranti. Il gigante americano si butta sul cibo, inteso come spesa alimentare: consegne a domicilio, coi droni e senza droni.

Un mega-mercato che negli Usa promette molto bene nonostante i test con Walmart non siano andati così a buon fine. Intanto entro fine anno Uber Eats sarà a disposizione del 70% delle famiglie statunitensi, contro il 50% attuale.
Per saperne di più: FOOD

7 food trend su cui scommettono gli investitori

Fedeltà al marchio da conservare con le unghie e coi denti, costruendo col consumatore una relazione di cuore per rendersi appetibili ai Millennials e alla generazione. Fiducia e trasparenza.

E poi ancora rivoluzione digitale e scienza del cibo. Last but not least: proteggersi e differenziarsi dai competitori con tutti i mezzi, dalla proprietà intellettuale al gorilla marketing online.
Per saperne di più: FOODnavigator.com

 

Perché parliamo di cibo? Ce lo rivela uno studio…

Il 51% degli italiani fa almeno una conversazione al giorno il cui protagonista è il cibo – e per molti si tratta di un argomento assai serio… In Italia ciò è abbastanza comprensibile, ma non succede solo nel Bel Paese.

Una ricerca commissionata da Coca-Cola ha cercato di comprendere il perché: lusso per tutti, gratificazione psicologica e sociale, tendenza al benessere che riempie i piatti nonostante la crisi.
Per saperne di più: VANITY FAIR

Gelaterie Versace, nuovi shop negli Usa e lo sbarco on the road
Il gelato artigianale è in vetta alla classifica dei prodotti più apprezzati all’estero. E il ‘gelato’ italiano – che nulla ha a che fare con il banale e artificiale ice-cream – ha costantemente raddoppiato le vendite negli ultimi anni negli Usa.

Lo sa bene Stefano Versace, che dal 2013 ha aperto negli States 22 gelaterie (che usano materie prime di qualità provenienti dall’Italia). Diventeranno 30 entro fine anno, uscendo dai mall per andare a prendere i clienti direttamente su strada.
Per saperne di più: MiXeR PLANET