October 15th
Cocktail e tarocchi. I drink ispirati agli arcani

Il mixologist più estroso sulla scena europea, Oscar Quagliarini, porta al MioLab di Milano 12 ricette ispirate al mondo dei “ritratti” dipinti dal destino

Che cos’hanno in comune cocktail e tarocchi? Apparentemente niente, se non fosse che il bartender Oscar Quagliarini da dietro al bancone del MioLab del Park Hyatt Milan, ha lanciato una nuova tendenza. Lui, uno dei mixologist più estrosi e talentuosi sulla scena europea: è partito da Roma, ha girato il mondo fino alla sua ultima destinazione, Parigi (tra l’altro mai definitivamente abbandonata con il suo Herbarium all’hotel National Des Arts Et Metiers) ed è tornato a Milano portandosi dietro nuove idee e suggestioni da bere. 

“Oggi ci si accosta al contemporaneo a 360 gradi. Per l’aperitivo e il dopocena si guarda ai giovani, continuando a strizzare l’occhio anche alla clientela più adulta”, spiega il mago della mixology. “È qui infatti che si inserisce la nostra nuova carta”. Quaqliarini, propone al MioLab una cocktail list inusuale composta dai 12 arcani maggiori selezionati dal bartender e interpretati dalla star comics di Dylan Dog, Sergio Gerasi. A ogni cocktail corrisponde una carta che, come da un vero un mazzo, gli ospiti possono “pescare” ottenendo una bevanda che segue i gusti, le preferenze e il mood di chi la sceglie. Proviamo a interrogare le carte?

 

Il Matto

Chi ama il distillato di cereali aromatizzato con ginepro e spezie, svela il bartender, assaggi Il Matto che guida al Gin Helsinky, liquore alla rosa Palent, lime, champagne.

Il Bagatto

I veri “giocatori” sceglieranno Il Bagatto, un cocktail dall’aroma persistente che scherza con le papille gustative grazie al Mezcal Pierde Almas infuso di anastasia, sidro Sassy ex

tra brut, succo di mela nuvoloso, bitter bergamotto/vetiver h.m. gocce di lime.

L’Appeso

“La definirei un’avventura multisensoriale”, sostiene il bartender romano, “che tocca tutti i sensi e mantiene un legame forte con gli ingredienti. L’Appeso rappresenta un giovane a testa in giù, legato a un tronco da cui esce della resina. Come il perso

naggio raffigurato, propongo un Martinez diverso, con meno gin e più vermouth, non rosso ma bianco, e al posto del maraschino uso la mastiha, un liquore ottenuto dalla distillazione delle resina di un albero. Chi prende questo drink, dunque, prova tra palato e labbra la sensazione di bere un liquido piacevolmente corposo”.

La Papessa

Carta piccante, La Papessa, che viene proposta da Quagliarini con Ketel one vodka, succo di melograno, lime, triple sec Giffard, velluto di limone allo zenzero Giffard.

L’Arcano senza nome

Questa carta, la XIII, è la preferita del mixologist romano ed è stata pensata con Calvados, sidro extra brut sassy, sciroppo homemade di tè bianco, mela e bacche dolci.

Gli Amanti e La ruota della Fortuna

Tra gli arcani maggiori più richiesti c’è quello de Gli Amanti, una sorta di caffè shakerato con bitter hand made tea, “perché la notte sia lunga e piacevole”, e poi La Ruota della Fortuna, a base di champagne, tonica double oak, zucchero e hibiscus sweety h.m. bitter “per concludere una giornata in modo dolce e intenso”.

La Temperanza e L’eremita

Coloro che si sentono nel mood di provare la carta della “moderazione” peschino La Temperanza rappresentata da una ricetta che contiene Gina Tanqueray, essenza di pomodoro merenda PachinEat, acqua di cipolla di Giarratana Pachineat, aceto di mele, polvere di capperi. Oppure c’è L’Eremita, l’arcano del saggio, con Gin Tanqueraye noci, tabacco capofila, vecchio Samperi, mio Sherry, gocce

di salsa ponzu e miele.

La Torre

Voglia di cambiamento? Chi buttereste giù dalla torre? Per quelli che stanno vivendo giornate decisive, ecco l’arcano che si traduce in un drink dove Cognac Merlet, Mio pineau de charentes, liquore alla rosaPalent, velluto di porto rosso portano la risposta giusta a ogni quesito.

Il Carro

Per la carta de Il Carro Quagliarini ha pensato al Ketel di vodka, cold brew coffe jasmine, velluto di liquore al sambuco Giffard. Mentre per chi sogna e sceglie l’arcano che rappresenta Il Mondo, il bartender propone Rum clairin, apricoat capovilla, lune d’apricoat Merlet, polvere di albicocca e lapsang sochung.